venerdì 19 dicembre 2008

Quattro bavaresi, quattro colori



Piove, piove, piove. Non smette mai. C'e' il rischio che tutto questo grigio mi entri da sotto le scarpe, mi attraversi e raggiunga la mia testa. Che voglia di luce , di giallo del sole, di azzurro del cielo, del verde dell'erba.
Ci vuole immaginazione e capacità di crearsi un'alternativa.

Sarà per questo che ieri ho pensato a tante bavaresi colorate? il verde del pistacchio, il giallo dello zabaione, il marroncino della nocciola e il travolgente marrone castagna del cioccolato!
Li ho assemblati nei miei nuovissimi bicchierini quadrati e mi sono sembrati cosi belli che non li ho neppure decorati.


Tris di bavaresi

Bavarese base
( da una ricetta di Rita Mezzini-Sorelle Simili)

Ingr:

500 gr di latte intero
160 gr di zucchero
8 tuorli
12 gr di gelatina in fogli
600 gr di panna montata
Pasta nocciola
Pasta zabaione
Pasta pistacchio

Mettere la gelatina in una ciotola con acqua fredda. Preparare la crema inglese.Montare i tuorli con lo zucchero e aggiungere il latte caldo. Far cuocere fino alla temperatura di 82°C e aggiungere e la gelatina strizzata. Rimescolare benissimo e passare al setaccio.Dividere la crema in tre parti; in ciascuna parte aggiungere un cucchiaio di pasta in modo da ottenere tre profumazioni. Far scendere la temperatura a circa 35°C e poi aggiungere a ciascuna 200 gr di panna.

Bavarese al cioccolato
(di R.Morato)

Ingr:
400 gr di crema inglese*
450 gr di panna montata
180 gr di cioccolato fondente al 70%
6gr di gelatina

Per la crema inglese:
375 gr di latte fresco intero
125 gr di panna liquida fresca
125 gr di tuorli
50 gr di zucchero invertito (potete usare miele d’acacia)

Preparazione:
Far idratare la gelatina e poi aggiungerla alla crema inglese ancora molto calda. Passare al setaccio e aggiungerla in piu’ riprese alla copertura di cioccolato emulsionando con attenzione. Quando la temperatura ha raggiunto circa 26°C, aggiungere la panna semimontata.
Versare le bavaresi nei bicchierini e porre in frigo a solidificare. 
SHARE:

19 commenti

  1. sono spettacolari come tutti i tuoi dolci....questi colori cosi delicati....vorrei tanto avere la tua delicatezza e bravura nell'accostamento e nella precisione con cui crei i tuoi dolci...anch'io amo farli(e ben chiaro nel mio nick)pero sono piu casereccia piu pasticciona e nn cosi delica e fine come te:-)un bacio e un felicissimo natale

    RispondiElimina
  2. molto, molto belli! lasciati semplici con quei colori pastello.... veramente belli! anche i bicchieri sono perfetti, a proposito, se posso chiedere, dove li hai trovati?

    RispondiElimina
  3. MA CIOE'!!!!!!
    sembra un'opera d'arte contemporanea....una tela!
    bellissime e complimenti per l'idea!
    ne approfitto per farti gli auguri per un felicissimo Natale!
    Chiara

    RispondiElimina
  4. Pinella che belle!
    E poi così disposte sembrano una coperta patchwork!
    Sempre ottime ricette e presentazioni.
    Un abbraccio ed un augurio di buone feste.
    ciao

    RispondiElimina
  5. Li ho presi alla Metro. E' una confezione da 40 bicchierini e costano circa 8-9 €.

    RispondiElimina
  6. Pinella sono bellissime!!
    anche così, semplici, senza decorazioni...parlano da sole!!

    RispondiElimina
  7. complimenti sei sempre stupefacentemente creativa! ciao

    RispondiElimina
  8. Molto belli i cubetti Pinella! Se posso chiederti, la pasta nocciola e pistacchio sono prodotti acquistati o preparati? So che si possono fare in casa, ma il mio minimixer non riesce proprio ad arrivare al cremoso, al massimo...sbriciola!

    RispondiElimina
  9. Sono paste comprate in negozi specializzati. Pero' non sono "sintetiche", sono proprio naturali. Se hai il Bimby puoi farle ma non raggiungi la cremosità eccellente di quelle acquistate.

    RispondiElimina
  10. Sono bellissime queste bavaresi, che brava!!
    Ma sai che io non le ho mai preparate???
    Mmmm...mi sa che copio la tua ricetta, non si sa mai!!
    Un bacione, GG

    RispondiElimina
  11. Posso sentirle anche un pò mie queste bavaresi?
    Quella ricetta la considero la "mia iniziazione " alla pasticceria,con la sua realizzazione ho capito che si poteva "volare " lontano e creare.
    Tu ci sei riuscita in pieno:aspetto semplice,lineare e dietro grande tecnica,proprio come i grandi chef.

    RispondiElimina
  12. E' la "tua" ricetta, Rita. Non mi molla mai. Oh....imperfezioni a iosa. Avrei dovuto rendere liscia la supeficie spatolando ...ma...me ne sono accorta "dopo" la fotografia....
    Questa tua ricetta fa parte di me. Perfetta!

    RispondiElimina
  13. Ciao Pinella i tuoi bicchierini!!
    che meraviglia, è vero! osservandoli ci vedi il sole,il colore dell'erba,danno un senso di profondo calore.Ne approfitto per farti gli auguri di un Natale pieno
    di sole.

    RispondiElimina
  14. Eh no, purtroppo niente Bimby! Allora, parto alla ricerca in drogheria...Grazie e a presto

    RispondiElimina
  15. Posso farti una domanda: Fai differenza tra dosaggio di gelatina tra bavaresi che rimangono in bicchiere e quelle che si possono "girare"?

    RispondiElimina
  16. No, nessuna differenza. Le bavaesi da sformare hanno la stessa quantità solo che le verso negli stampi in silicone, le passo in freezer e poi le sformo.

    RispondiElimina
  17. Grazie - e auguri!-
    Quindi consigli sempre tre fogli per 250g di latte e 300g di panna, per bavarese senza aggiunte. Giusto? Passi in freezer per poco tempo? Perchè sapevo che se la bavarese si congela poi si liquefa.

    RispondiElimina
  18. Si, è cosi. Se passi la bavarese in freezer e poi la sformi sul piatto da dessert, la puoi scongelare in frigo senza alcun problema.

    RispondiElimina
  19. ciao pinella, ho del nocciolato al miele: posso usare quello al posto della pasta di nocciole? (lo so che forse sembra stupida la domanda... ma ho poca esperienza in fatto di bavaresi)
    allarghiamo la domanda: si deve per forza usare la pasta di pistacchio, di nocciole ecc, o posso usare le alternative farine?
    grazie: sempre belle le tue ricette

    RispondiElimina

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli