Eccomi.
Sono qui. 


Quel fine dicembre del 2007 sarà difficile possa dimenticarlo. Io, che a stento ricordo cio' che ho fatto due giorni fa.
Dopotutto, sapevo già che l'avrei ricordato per sempre. Che mi avrebbe cambiato la vita e che tutto non sarebbe piu' potuto essere mai lo stesso...

La sera,tornavo a casa e pensavo che mi sarebbe piaciuto scrivere di dolci. Parlarne con qualcuno...
In fondo , mi sentivo isolata. Con troppo mare intorno ai fianchi e nessuna possibilità di comunicare...
L'idea di poterlo fare mi dava un senso di consolazione e di tepore. Ma non riuscivo proprio neppure a capire come si potesse fare.

Lo devo a Laura Presilla se un giorno di gennaio dell'anno seguente trovai il coraggio di sedermi di fronte al computer e pubblicare il mio primo post.
Se mi fermo un attimo e ci penso, mi vedo passare davanti tutte le ore e le sere trascorse a scrivere. E alla gioia che il farlo mi ha dato. Nonostante, non avessi un obiettivo. Uno scopo. 

Solo scrivere di dolci. E rintanarmi per poche ore in un mondo in grado di isolarmi dal resto.
Peccato.
In fondo, non gli ho dedicato molto tempo. Non tanto quanto avrei voluto.
E dire che , in tutti questi anni, mi ha fatto cosi  tanta compagnia. 

Come cambiano le persone, cambiano le cose.
E come un'altra volta, ho pensato che solo Sara Bardelli potesse capire come doveva essere questo angolo di Pasticceria. Semplice. Essenziale. Con la ricetta e le emozioni della ricetta in primo piano.
L'ho aspettata.
Ho atteso che avesse qualche ora per me perchè mi è parso un segno che questa parola....nascita....ci accomunasse, pur nelle sue sterminate differenze...

Stasera, qualcosa nell'aria mi rimanda a quel dicembre del 2007.

E non posso che ringraziare tutti quelli che hanno trovato il tempo di venire, qui, a trovarmi.
Chiedo loro scusa per le imprecisioni che talvolta hanno trovato. Desolata se talvolta la preparazione non ha trovato il loro consenso
Ma sono certa  abbiano capito che queste sono le cose che amo, quelle che inseguo lungo il corso della settimana, nello svolgersi di faticose ore di lavoro e di affanni.

Ringrazio le mie amiche e i miei amici.
Che mai mi hanno negato il sostegno e il conforto. Che mi hanno regalato ricette e suggerito preparazioni.

Grazie a Maurizio Santin. Che, come ho detto una volta, mi ha spalancato le porte del Palazzo della Pasticceria. Mi ha consentito di entrare in un mondo incantato e di percorrere una strada che ha oltrepassato il mare e raggiungere persone e luoghi e cose che mai avrei pensato di incontrare e conoscere.

Io ci sono. Sono ancora qui....
A sognare, realizzare, ideare, copiare, inventare dolci in grado di darmi gioia. Con la speranza di condividerla con chi legge....

Sono pronta per il prossimo dolce. La Dobos di Maurizio Santin. 
Che l'abito sarà pure differente ma il cuore, rosso come questa glassa, quello, e' sempre lo stesso....




Rossa come il cuore.... 


Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli