Quando a luglio ho saputo che sarei stata presente come "co-conduttrice" delle Masterclass alla prima edizione di Sweety of Milano avevo la sensazione  che il 19 -20 settembre non sarebbero mai sopraggiunti.

Che il tempo, invece, passasse e la data fosse alle porte mi veniva indicato dalle dimensioni di una  cartellina celeste che avevo creato durante le settimane d'estate e che conteneva poche cose relative ai Maestri Pasticceri. Ho necessità di capire... che vita abbiano avuto...dove siano nati.. ....come siano diventati Maestri....quali erano i loro dolci preferiti?....e la famiglia?...avevano sognato anche loro?....perché cosi mi sembra di capire meglio anche i loro dolci.

Quando la cartella e' diventata gonfia e pesante ,  Sweety è arrivato.

Ho detto alcune volte che questo Evento era da tanto, tanto tempo inserito tra i sogni della mia vita. 
Poi, è arrivata Carla Icardi e Italian Gourmet.
E io non ho idea di come lei e loro abbiano fatto a capire che fosse arrivato il momento di insufflare aria nel sogno e dargli vita. Esistono meccanismi imprevedibili ed eventi misteriosi che si incontrano nel campo della competenza, della professionalità, dell'intuito, dell'analisi e dell'istinto. E si forma un amalgama cosi potente che diventa impossibile non dare una realtà al sogno. 

Perché in fondo Sweety of Milano e' stato  il sogno cumulativo dei nostri singoli sogni. 

Lo si respirava nei corridoi del Palazzo delle Stelline. Lo si leggeva nell'attesa febbrile alle Masterclass. Negli occhi impazienti dei partecipanti. Nell'affetto dei Maestri Pasticceri. Nell'amore espresso nella descrizione degli ingredienti e delle preparazioni. 
Non ci sono state barriere. Né steccati. Né ponti levatoi eretti a difesa.  
Il rispetto degli appassionati in fila ha contagiato i Maestri che non hanno mancato in nessuna occasione di esprimere affetto e competenza, simpatia e precisione, cordialità e rigore. 
Ci hanno dispensato ricette e frammenti di vita. Vie maestre da percorrere e ricordi personali. Risate e lacrime. Abbracci e sorrisi. Dolci e rigorosi ammonimenti.

Quando, durante il sonno, capita di fare un bel sogno si ha irrealmente il timore che il sogno finisca. Lo si vorrebbe prolungare durante il tempo  per farlo andare avanti. Come a impedire al risveglio di lasciarci una malinconica tristezza.

A Sweety of Milano non è successo. Il sogno non ha avuto fine.
Ce lo porteremo dentro di noi durante lo svolgersi della nostra vita. 
I sentimenti esistono. E anche le parole per descriverli. 
E quando non ne abbiamo abbastanza  per ringraziarvi , dobbiamo trovare il coraggio di dire a voi, ad ognuno di voi...con grande delicata timidezza e superando il rossore al viso.......
" Grazie. Vi vogliamo tanto bene".





19-20 settembre 2015 
Sweety of Milano


Grazie  a:

Carla Icardi


Una donna che sa sognare. E poi realizzare ciò che sogna. 
Ma sopratutto è una donna che sa leggere i nostri desideri. Quando ancora noi non sappiamo neppure di averli. Le auguro ogni bene.

Lo staff tutto di Italian Gourmet 


Atenaide Arpone,  Claudia Cristallo, Antonella Provetti , Paolo Tognoli e tutti-tutti-tutti. 
Un team che all'intelligenza unisce il cuore. Perché solo cosi si affrontano le difficoltà e la fatica. Poi, raccogliere il successo è inevitabile.

Iginio Massari


Per avermi dato, con un saluto affettuoso e poche incisive parole, il coraggio di esserci. Di ingoiare la paura, dimenticare il suono della mia voce, ascoltare quella degli altri.

Gino Fabbri


Per avermi dato il privilegio di presentare la sua Masterclass . E del suo profondo affetto. 

Maurizio Santin




Per avermi regalato virtualmente le chiavi del castello della Pasticceria.  E ogni tanto farmi visitare le stanze e i tesori contenuti.

Luigi Biasetto


Per il sorriso al momento del caffè. Per il suo magnifico libro...non ho avuto il tempo di dirglielo. Ma glielo diro'.

Gabriele Bozio


Il mio primo Docente in Etoile. Per avermi convinto che non avrei piu' vissuto senza Pasticceria.

Denis Buosi


Ho mancato alla sua Masterclass. Il rimpianto a mille.

Lucca Cantarin


Il Maestro con gli occhiali rosa che ti guarda con affetto.


Davide Comaschi


Per averlo rincorso, raggiunto e salutato. Tra noi due il più timido era lui.


Diego Crosara


Il Maestro Professore. La Pasticceria in carne e ossa. Il sorriso più bello della giornata.


Salvatore De Riso


Mi giro e vedo i suoi occhi. Lucidi, ridenti, affettuosi. Mi pare di non essere riuscita dire nulla se non  non "Sono felice di conoscerLa"


Denis Dianin


Il Maestro AMPI che si è seduto in soggiorno a casa mia. Denis è famiglia.


Gianluca Fusto


Le mani che prendono una striscia di frolla, la piegano, la inseriscono nello stampo. Non si rompe. Non si spezza. Eppure è frolla.


Fabrizio Galla


B come bravura. C come competenza. S come simpatia. Aspettami che a Torino ci vado.


Claudio Gatti


Non sa chi sia. Ma mi circonda subito con un sorriso affettuoso.


Pasquale Marigliano


Una vita passata a sperare di veder fare i codini d'aragosta. Emozione allo stato puro.


Mauro Morandin


La mia prima Masterclass. L'onore di presentarlo è stato immenso.


Santi Palazzolo


Il Maestro siciliano con il cuore più bello del mondo


Alfonso Pepe

"Date subito due sfogliatelle calde a questa signora che parte. Subitoooooo!"


Giulia Cerboneschi- Giancarlo Perbellini


La determinazione in un abito splendido. Precisa, forte, risoluta.


Stella Ricci


Quando la competenza incontra la sensibilità e nasce un gioiello.

Paolo Sacchetti


L'umiltà in persona. E fa dei dolci che ti mandano in Paradiso.

Attilio Servi



La Masterclass che non dimentichero' per niente al mondo.


Alessandro Servida


Un Grande Pasticcere con l'emozione di un ragazzo.


Carmen Vecchione


Un astro fulmineo. Un cuore immenso. Una volontà dirompente. I biscotti piu' buoni del mondo.



Per queste magnifiche foto un grazie speciale al grande Carlo Fico immortalato da Fausto Morabito Carioti:




Un ringraziamento particolare a:






Stampa la ricetta

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli