martedì 23 maggio 2017

Tarte, Fragole & Crema al lime e limone

Ogni tanto, mi piace preparare una tarte....


Sarà perchè la frolla rimane comunque il mio dolce preferito.....che la crème  au citron mi ricorda tanto un mio recente viaggio a Parigi... ( la crème citron mi ricorda sempre Parigi ma la penultima volta una sosta da Arnaud Larher è stato un momento paradisiaco...), sarà che ultimamente vedo continuamente queste tartes aux fraises con le fagole tutte vicine-vicine...insomma, mi è venuta una grandissima e irresistibile voglia di rifare la sucrée di Hermé, qualche altra sua base, e unirla alla crème di Larher con la composta e idee viste sull'ultimo numero di Fou de Patisserie....

Tutto rivisto come sempre con i miei occhi perchè devo ancora capire perchè sento il desiderio di unire diversi Pasticceri in matrimonio...una cosa da uno, una cosa da un altro e cosi via.

Questa è la mia tarte...a dire il vero sono due perchè sentivo forte l'impulso di vedrla realizzata anche con uno stampo ovale e magari cambiando la presentazione...

E' ancora Primavera. Direi che questo dolce mi da la voglia di godermela ancora di piu'....

Tarte...Fragole e Crema al Lime e Limone













Per la Pate sucrée
( da una ricetta di Pierre Hermé)

150 g di burro morbido
95 g di zucchero al velo
50 g d' uovo ( 1 uovo medio)
250 g di farina debole 00
30 g di farina di mandorle
un pizzico di sale
vaniglia


Lavorare il burro con lo zucchero al velo. Aggiungere la farina di mandorle, l'uovo, il sale, la vaniglia  e, quindi, la farina 00 ben setacciata. Stendere la pasta in un disco altro 3 cm e conservarlo in frigo avvolto in carta da forno per circa 12 h. Una volta completato il riposo, stendere la pasta e ricavarne un disco da 16 cm di diametro e delle bande rettangolari alte 4 cm. Far riposare in frigo almeno 1 ora.
Prendere una fascia in metallo microforata di 16 cm di diametro e imburrare i bordi. Far aderire le bande rettangolari lungo il bordo e inserire il disco da 16 cm.Poggiare la fascia sopra un  silpat microforato. Far raffreddare in congelatore.  Infornare a 165 °C fino a colorazione. 

Nota: Sarebbe meglio dopo circa 15 min di cottura, velare il fondo e i bordi con un miscuglio di tuorli e panna (proporzione 100 g di tuorli+25 g di panna liquida al 35% di grassi)


Per il biscuit à la cuillière
( da una ricetta di Pierre Hermé)

145 g di albumi
2 g di albumina
80 g di tuorli
90 g di zucchero semolato
50 g di farina debole 00
50 g di fecola
2 g di zucchero invertito oppure miele d'acacia

Aggiungere l'albumina in polvere agli albumi e farla idratare mescolando bene con una frusta. Quindi, montare gli albumi  aggiungendo progressivamente lo zucchero fino ad ottenere una meringa lucida e soda. Mescolare sommariamente i tuorli con lo zucchero invertito e aggiungerli a filo alla meringa. Setacciare la farina con la fecola e unirla a mano all'impasto lavorando dall'alto verso il basso. Versare in una sac à poche con beccuccio liscio  disegnare, magari servendovi di una fascia, un disco di 14 cm di diametro. Velare con una spolverata di zucchero al velo e infornare a 170°C fino a doratura.


Per lo sciroppo di vaniglia

100 g d'acqua
50 g di zucchero semolato
1/2 bacca di vaniglia

Portare al bollore l'acqua con lo zucchero. Far raffreddare e unire la polpa della bacca.


Per la composta di fragole
( ricetta di Cyrul Lignac e Benoit Couvrand)

90 g di  purea di fragole
40 g di fragole in cubetti
10 g di sciroppo di glucosio
15 g di zucchero semolato
2 g di pectina NH

Versare la purea e i cubetti di fragole in una casseruola. Scaldare. Mescolare lo zucchero con la pectina. Aggiungere lo sciroppo di glucosio al liquido caldo e a seguire la pectina mescolata con lo zucchero. Portare al bollore e togliere dal fornello dopo 1 minuto in modo che la preparazione rimanga morbida dopo il raffreddamento. 


Crème citron vert et chocolat blanc
( ricetta di Arnaud Larher)

125 g di succo di limone
125 g di succo di lime
80 g di zucchero semolato
5 uova medie
200 g di cioccolato bianco ( Ivoire Valrhona)
10 g di burro di cacao
4 g di gelatina + 20 g di acqua di idratazione

Setacciare il succo del limone e del lime. Idratare la gelatina con l'acqua indicata; quindi, scaldarla brevemente al micro-onde. Versare il cioccolato in scaglie in una caraffa. Mescolare le uova con lo zucchero. Aggiungere il succo del limone e lime e cuocere a bagno-maria fino a 82°C, sempre mescolando. A questo punto, togliere dal fuoco e aggiungere la gelatina. Versare tutto sul cioccolato e attendere 2 minuti. Mixare con un minipimer fino ad ottenere un composto fluido e setoso. Aggiungere i pochi grammi di burro di cacao e mescolare ancora. 

Nota: per circa 2 tartes come quelle indicate è sufficiente metà dose


Preparazione

Velare la superficie interna delle tartes con alcuni cucchiai di composta di fragole. Coprire con un disco di biscuit bagnato con lo sciroppo di vaniglia. Colare fino al bordo con la crema al lime e spatolare per avere una superficie ben liscia. Far raffreddare completamente. Pulire le fragole e lucidarle con poca gelatina neutra. Tagliarle per 3/4 lasciandole intere e disporle lungo tutta la circonferenza. Ben strette tra loro. Riempire i buchi con composta di fragole. Decorare con granella di pistacchi.
SHARE:

19 commenti

  1. mamma mia! splendido come sempre...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivano altre tartes😘😘😘😘😘

      Elimina
  2. Aaahhhh...come vorrei essere una tua vicina di casa....😀😅così da poter condividere questa meraviglia...

    RispondiElimina
  3. Pinella...questa e LA Torta che aspettavo!
    Avevo così tanta voglia di crostata di fragole...non sapendo come realizzarla avevo usato la crema di Larher variando la dose di succo di limone...ero abbastanza soddisfatta...ma la tua è un'altra storia, sono proprio felice e non vedo l'ora di provarla!
    Grazie mille :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi e' piaciuta così tanto che domani la rifaccio!

      Elimina
  4. Oltre il mare..nella spensierata pianura padana..😂lontano lontano dalla tua bella terra..!

    RispondiElimina
  5. Non ci deludi mai..... ! Pari ai maestri pasticceri!!!! Complimenti!!!!! Volendo fare una copia, con cosa posso sostituire la pectina NH? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ottieni la stessa struttura
      Ma a questo punto fai un disco di gelatina di fragole usando normale gelatina!!!!

      Elimina
  6. Fantastica!!! ��
    Un consiglio, se puoi, se non riuscissi a trovare l'albumina con cosa potrei sostituirla?
    Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho l'albumina e l' ho usata. Certamente aumenta la 'tenuta' e la struttura della meringa
      Ma anche omettendola il biscuit bien bene comunque
      Ho provato diverse volte a toglierla senza problemi!

      Elimina
  7. scusa per il ritardo...ma wau !!! che bello il nuovo blog ! Assunta

    RispondiElimina
  8. Ciao Pinella con questa dose riesca a fare un crostata da 20 cm?

    RispondiElimina
  9. Cara Pinella...avrei una domanda un po'sciocca lo so...finalmente ho placca forata, telino ecc e sto iniziando a usare gli anelli: dove hai trovato l'anello microforato alto 4 cm?
    Oppure dici 4 cm per poi poter livellare il bordo su quello da 3,5?
    Grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio sempre le striscia più alte perche poi livello il
      Bordo a 3.5 con un coltellino affilatissimo!!!

      Elimina

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli