mercoledì 6 marzo 2019

I croissants della resilienza...

Lo so. Questo titolo sembra strano.....cosa c'entra la resilienza con un normale croissant?

Che ha a che fare con un croissant la capacità di opporsi ad un fatto negativo cercando di trovare dal piu' profondo di se' stessi la forza per trasformarlo in un evento positivo, che puo' portarti forse nuova forza, nuova energia, nuove riflessioni?

Forse perchè non si tratta di un normale croissant. E anche questo post non è normale, con la spalla destra incollata al corpo, la mano che sporge dal tutore a fatica, io che cerco di non dimenticarmi che non posso fare la stupidina e non rispettare le consegne....
In compenso, sto riuscendo a scrivere con due indici....lo faceva mia madre anche dopo aver fatto un corso adatto e molto tecnico...

Due indici a tirare fuori l'anima.

Martedi sera ho fatto un impasto croissant con all'interno del burro nocciola e tanta scorza di mandarino candito..Avevo messo all'interno anche del cassonade buonissimo e il foglio del piano d'azione era davanti ai miei occhi....con tutte le avvertenze da rispettare....
Ma di questo vi avevo già scritto...vero? nell'ultimo post....

Mercoledi mattina non vedevo l'ora di tornare a casa dal lavoro...quell'impasto mi piaceva e dentro di me sentivo che forse il taglio avrebbe potuto riservarmi delle sorprese....

Di quello che è successo inaspettamente mercoledi mattina tra le 9 e le 10 non sono affatto pentita.  Non ho alcun pentimento per nessuno di quei gesti che mi hanno portata ad essere come sollevata da terra e sbattuta sul pavimento...

Forse era scritto che la spalla si sarebbe fratturata.
Che sarei stata circondata da un'onda lunga di affetto ...da coccole e sorrisi. Da telefonate e messaggi di buona notte...da auguri di rimettermi presto che qualcuno vuole le mie decorazioni  di cioccolato...Da vicini che non conoscevo fino a ieri....da impiegati gentili e da commesse affettuose...

Insomma, sono incappata nella resilienza. Dritta dritta a tener duro e sottrarmi al laccio dello sconforto, all'impossibilità di non poter usufruire di quella autonomia tanto cara ma che può far scaturire una determinazione sconosciuta e potente.

Il croissant?

Dopo tutto questo non potevo certo buttarlo. Era forte in me la voglia di far finire la giornata in modo diverso, che fosse  costruzione e speranza. Quindi, ho tirato fuori il burro dal frigo , l'ho incassato nel pastello e ho chiesto al mio ragazzo di essere le mie mani. Con calma ho trovato parole cosi convincenti sul da farsi che vedevo scorrere il mattarello come se avessi l'impasto io, sotto le mie mani.  E il giorno dopo....il giorno dopo ho fatto lievitare...ho infornato...tutto con la sinistra....e.....e.....
Quando ho preso il coltello con la punta delle dita della mano destra che sporgeva dal tutore e ho fatto scorrere il croissant avanti e indietro sulla lama...io lo sentivo che avrei avuto una gioia. Non ditemi perchè ma io lo indovinavo...

Sono rimasta lì. Incredula. E per qualche minuto ho avuto la consapevolezza che i giorni a venire li avrei affrontati in un modo diverso dal solito.....




Croissants della resilienza
( da una ricetta di Mario Graditi)

Grazie per i consigli a Manuel Scarpa, ad Emmanuele Mastruzzo, a Nicola Corona, a Tonino Pirellas, ai Pasticceri consultati o letti..ai libri letti...
Da Denis Dianin a Daniel Alvarez
Da Luca Mannori a Iginio Massari
da Johan Martin a Christophe Felder
Da Gaetan Paris a Kirsten Tibbals 
ecc ecc
per arrivare ai siti online in cui sono registrata...E come scrivevo da altre parti, quel poco che sono riuscita ad imparare continuo a scriverlo..forse piu' forte di prima.


1000 g di farina W320-330
20 g di latte in polvere
120 g di zucchero semolato ( sostituito con 100 g di cassonade e 20 g di zuccchero semolato)
20 g di sale
200 g d'acqua
240 g di latte intero
30 g di lievito di birra
80 gr di burro ( sostituito con beurre noisette)
Purea di agrumi canditi ( facoltativo)

+ 660 g di burro per sfogliare 

Setacciare la farina. Tutti gli ingredienti freddi di frigo dato che ho fatto l'impasto con una planetaria. Sciogliere il lievito nell'acqua e il latte in polvere nel latte. Intanto, avviare la planetaria con lo scudo e lavorare la farina con i liquidi. Dopo pochi minuti aggiungere lo zucchero e far prendere struttura all'impasto. Quando si vede che l'impasto prende corda ( continua comunque ad essere strappato). Non aggiungere altri liquidi perche' l'impasto deve essere sostenuto. Togliere lo scudo e inserire il gancio. Aggiungere il burro morbido a pomata, il sale con il burro e la purea candita. Far lavorare l'impasto fino alla quasi comparsa del velo. In totale, circa 9 minuti di lavorazione anche se su questo aspetto infinite sono le discussioni. Velo o non velo? ( attendo i vostri pareri)

Dare all'impasto una forma a palla e far riposare a circa 24-25 gradi per un'ora. Ogni 15 min dare delle pieghe  e rimettere in cella. Per circa 2 volte. Poi, riprendere l'impasto  e stenderlo in un rettangolo molto regolare ad un'altezza di circa 1 cm e 1/2. Dimensioni e spessori li modulate secondo il vostro impasto e il peso dell'impasto stesso. E' comunque determinante che il pastello ( in questo modello di incasso) sia il doppio della lunghezza del burro
e alto uguale . In altre parole, se il pastello è lungo 40 cm, il panetto deve essere lungo 20 cm in modo che i due bordi laterali ( da 10 cm) riescano a congiungersi al centro senza sovrapporsi.Mettere l'impasto in frigo per una notte a 4 °C coperto da pellicola. Stesso trattamento al panetto di burro: alto come il pastello e lungo 1/3. 

L'indomani controllare la temperatura del pastello che deve essere sui 4°C e del panetto: se usate un burro bavarese regolatevi su una temperatura di circa 14°C; se usate un professionale ( vedi Corman , per esempio, state sui 16°C. Attenzione che il professionale deve essere tenuto fuori dal frigo un po' di tempo prima di usarlo dato che è molto rigido...a meno che non usiate il Corman Express che puo' essere plastico già dopo 5 minuti di fuoriuscita dal frigo)

Procedere con incasso e pieghe. Io ho scelto 3 pieghe da tre.
Nel caso del burro professionale e con temperature ambientali sui 18°C, non è necessario eseguire i riposi dopo ogni piega. Quindi, finite le pieghe e fatto l'ultimo riposo, stendere l'impasto,tagliarlo in due parti e raffreddarlo anche in congelatore per almeno 30 minuti.
Ritagliare le forme dei croissanti dopo aver steso a circa 4-5 mm. Far riposare ancora i croissants in frigo per 30 minuti e procedere all'arrotolamento. Far lievitare a 24 °C per il tempo necessario e quindi riporre i croissants a temperatura ambiente o in frigo per una 10-20 minuti. accendere il forno in modalità ventilata a 170-175 °C. Inserire un pentolino d'acqua e spruzzare d'acqua pareti e croissants al momento di infornare. Far cuocere per circa 20 minuti. All'uscita dal forno lucidare con della confettura di albicocche sciolta in pochi cucchiai di sciroppo 1:1
SHARE:

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli