domenica 17 ottobre 2010

Una frolla per parlare di me....

Questa cosa mi frullava per la testa da tempo. Ho sempre amato a dismisura i biscotti. Di ogni tipo, naturalmente. Ma quelli di semplice frolla, li amo oltre ogni possibile comprensione. Mi ricordo, anni fa, che feci una montagna di biscotti decorati per il Natale del mio caro amico Massimo.Tutti rivestiti  di glassa liscia e vellutata...Di tutti i colori.Belli senza dubbio. Ma.... una fatica immane. Con la glassa che colava da tutte le parti. Con le perline colorate che si squagliavano sul manto candido del biscotto provocando la formazione di orrendi laghetti multicolori....Con la carta d'oro che non voleva saperne di incollarsi e cercava di volare via....Con i biscotti a cui un nulla di lievito nell'impasto aveva dato dei  piccoli bitorzoli antipaticissimi.

Si, ho la capacità innata di crearmi dei problemi. E passi se si tratta di pasticceria ma.....Ed il ma è li ad indicare una variopinta  moltitudine di situazioni.

A dire il vero, li avrei voluti rivestire di pasta di zucchero ma, adesso, non ricordo più per quale motivo non sia andata su quella strada. A ricordarmi ora.....

Stavolta, invece, sono partita decisa. Se un dolce mi piacerà, io lo so già prima di iniziare a farlo....Ho tutti i passaggi chiari in testa, nessun dilemma. Devono solo uscire da dentro e avere una loro vita.
Non è poi cosi difficile.

Comiciamo a dire che volevo fare dei biscotti di frolla rivestiti di pasta fondente di zucchero, decorati con glassa reale ma...tutto in stile sardo. In fin dei conti....Deu seu sarda.

Ecco. Un biscotto come questo, insomma.





La forma? Varia. Il classico tondo appena smerlato. Un lineare ovale a mò di cammeo. Poi, a goccia, a fiore e a cuore.
Può forse mancare il cuore?





Giusto per cominciare, una sera ho fatto la frolla. Cosi tutti i biscotti erano pronti, conservati all'interno di due grandi scatole e protetti dalla carta argentata.

Pasta frolla per ciambelle

1 kg di farina 00
500 g di burro
500 g di zucchero
4 uova medie
1 pizzico di lievito per dolci
scorza grattugiata di limone o l'interno di una bacca di vaniglia.
un pizzico di sale

Setacciare la farina con il nonnulla di lievito per almeno 2 volte e tenerla da parte.
Impastare il burro morbido con lo zucchero. Per burro morbido intendo il burro che tenuto in mano può essere tagliato con le mani senza difficoltà. Aggiungere le uova, impastare ancora e profumare con l'aroma prescelto. sciogliere il sale in un cucchiaino d'acqua e versarlo nell'impasto. Aggiungere metà della farina, amalgamare il tutto e completare la lavorazione. Dividere l'impasto in 4 parti e avvolgere la frolla con della carta forno. Sistemare in frigorifero per 30 minuti.
Togliere la frolla dal frigo. Stenderla ad un'altezza di 1/2 cm su un piano leggermente infarinato e ritagliare i frollini della forma prescelta. Sistemare i biscotti in teglie rivestite di carta forno e riporli ancora in frigo per altri 30 minuti.
Accendere il forno a 175°C. Infornare i biscotti per almeno 15-20 minuti finchè sono perfettamente dorati. Farli raffreddare benissimo prima di conservarli in apposite scatole.




A questo punto i biscotti sono tutti pronti. Non resta che andare avanti...Come? Innanzitutto cominciare a vagare per la città in cerca di marshmallows assolutamente bianchi. Comprare tutte le confezioni disponibili perchè non sia mai che manchino e rimanga senza scorte e poi...tuffarsi nella preparazione di quella magia che porta il nome di:

MarshMallows Fondant (MMF)

150 g di marshmallows
330 g di zucchero al velo
3 cucchiai d'acqua

Preparare una casseruola con dell'acqua e portarla al limite del bollore ( classico bagno-maria). Prendere una ciotla, appoggiarla sul bagno maria e versarvi le caramelle con i 3 cucchiai d'acqua. con un mestolo di legno perfettamente pulito (meglio se mai usato per altri scopi) mescolare i marshmallows fino ad ottenere una crema densa e liscia. Togliere dal fuoco e aggiungere circa 125 g di zucchero al velo, precedentemente setacciato. Amalgamare il tutto e quindi versarlo su un piano di marmo sul quale si sarà disposto lo zucchero al velo restante. Impolverarsi le mani con un pò di zucchero e cominciare a lavorare per far assorbire tutto lo zucchero. Quando l'impasto avrà preso consistenza, lo si lavorerà come fosse un impasto per tagliatelle.Quindi,a vvolgerlo con della pellicola e conservarlo nella credenza per almeno 12-24 ore.

Nota: Oltre ai vari siti americani, grande aiuto nella preparazione mi è venuto dal bellissimo blog di Donatella, una vera miniera di preparazioni di esaltante bellezza.




Dopo aver fatto la MMF e  averla fatta riposare, occorre stenderla.
Setacciare dello zucchero al velo sopra un ripiano di marmo e con un matterello ben pulito stendere la pasta, pochi pezzi per volta. Se dovesse risultare troppo dura, riscaldarla brevemente  per pochi secondi anche nel microonde. I pezzi restanti devono essere tenuti al riparo avvolti in pellicola per alimenti. Stendere la pasta sottile e  ritagliare le formine usando gli stessi stampi utilizzati per ritagliare i biscotti. Velare la superficie dei biscotti con pochissima gelatina di albicocche, solo un velo, perfettamente liscio e farvi aderire la MMF ritagliata. Tenere tutti i biscotti da parte in attesa di essere decorati.

Per la glassa, ho deciso di utilizzare una preparazione estrapolata da un bellissimo sito americano. Ho anche comprato la Meringue Powder prevista dalla ricetta. Con un esborso economico mica da poco......Ma devo dirvi che la grande Cinzia di Coquinaria ha di recente pubblicato un post spettacolare sulla preparazione home made della polvere di meringa....che naturamente userò in futuro a piene mani....

Royal Icing Using Meringue Powder

220 g di zucchero al velo
15 g di meringue  powder
un cucchiaio di succo di limone
60-90 g d'acqua calda*

Setacciare benissimo lo zucchero al velo ( da usare solo quello acquistato ). Per almeno tre volte. Questo si rende indispensabile se non si vogliono, poi, avere problemi con l'utilizzo dei beccucci. Aggiungere la meringue powder e il succo del limone. Progressivamente aggiungere a cucchiai l'acqua calda, ma non bollente. La dose indicata è indicata certamente per avere una glassa lucida e filante, destinata a ricoprire i biscotti. Nel mio caso, l'ho fatta molto sostenuta per poter realizzare le decorazioni. In questo caso ho utilizzato molta meno acqua. Amalgamare il tutto servendosi di un frullino e regolarsi per la densità aggiungendo o meno ulteriore zucchero al velo, sempre ben setacciato.
Coprire benissimo la glassa con una pellicola .
Per la decorazione: beccucci n.1-2.


E dire che volevo soltanto fare dei biscotti con il nome della mia amatissima Ross......



SHARE:

29 commenti

  1. che belli Pin, sembrano is pastissus in versione frollosa!!

    RispondiElimina
  2. bellissimi, sicuramente deliziosi!!! bravissima, sempre di più...

    RispondiElimina
  3. che cose fantastiche, di una bellezza ipnotizzante, brava brava brava!

    FrancescaV

    RispondiElimina
  4. Mentre leggevo la descrizione dei biscotti con la glassa mi sono rivista nella situazione ho fatto anch'io tempo fa un biscotto multi-color !!
    Mi piacciono questi tuoi biscottini le decorazioni alla barbie davvero carinissimi adatti anche alle prossime feste
    ho tempo posso iniziare ad ...imparare ciao grazie 1000

    RispondiElimina
  5. Dio che belli!! Non ho parole

    RispondiElimina
  6. Pinella sei proprio bravissima!!
    Ciao.
    Rita

    RispondiElimina
  7. Molto raffinate e delicate le decorazioni dei tuoi frollini... quanto lavoro però! Io non avrei il coraggio di mangiarli! Li metterei in una teca di cristallo a temperatura e umidità controllate, come fossero delle piccole opere d'arte! ;-)

    RispondiElimina
  8. No, mi ci sono divertita....ogni tanto mi piace sedermi con calma a decorare. Mi si libera la mente....

    RispondiElimina
  9. Pin,scusa se ti rispondo qui ;-)
    Ora mai ho deciso,ma non sono triste,delusa,giù di morale ecc..Sono serena e felice,non ci siamo mai conosciute di persona ma io ti conosco da tanti tanti anni ;-)) Ti ho conosciuta e apprezzata per le tue ricette ma ancor prima per le tue parole,io non andrò via io ci sarò ancora ma questa volta solo per chi veramente vorrà ancora leggere questa Mercante strana ;-)
    Esiste FB e ora per me basta così ;-)
    Ti abbraccio con affetto e..a presto ;-))

    RispondiElimina
  10. Bellissimi Pinella...proprio per questa tua manualità e bravura sono la tua prima sostenitrice!!! brava!!! un bacio :)

    RispondiElimina
  11. Ti ho sempre stimata tanto. non ti perdero' di vista certamente ma per me aprire il tuo blog spessissimo era un motivo di serenità..

    RispondiElimina
  12. adoro fare i biscotti decorati e proverò senz'altro la tua frolla ma per le mie decorazione niente mmf... io rimango fedele alla pasta di zucchero di ross, è stata la prima che ho provato e l'unica che mi abbia soddisfatto nel tempo, la preferisco di gran lunga per malleabilità e sapore all'mmf... bravissima!

    RispondiElimina
  13. Certamente la pasta di zucchero della Ross è meravigliosa. Ma per chi incontra difficoltà nella procedura di lavorazione per la faccenda della gelatina ecc, questa ricetta è molto piu' abbordabile. Anzi, direi proprio semplice!!

    RispondiElimina
  14. Spettacolari questi biscottini, anche io ogni tanto provo con la pdz ma devo ancora migliorare. Veramente ero entrata nel tuo blog per vedere la ricetta dei macarons, poi ho sbirciato un po' dapperttutto! ho visto che hai le foto che scorrono sopra il post, è una cosa complicata da fare? Sai se c'è qualche sito che lo spiega? (sono molto imbranata in queste cose) Ciao, e grazie!

    RispondiElimina
  15. Vai sul blog di Iole. C'e' un post apposito.....Grazie per il resto....

    RispondiElimina
  16. Grazie, ho fatto era tanto che avrei voluto mettere le foto scorrevoli! Ora proverò la tua ricetta dei macarons, speriamo bene perchè mi sembrano comolicatini. Grazie ancora sei stata gentilissima.

    RispondiElimina
  17. Stupendi, davvero stupendi!!!

    RispondiElimina
  18. sei veramente bravissima;ma sei sicura di non essere una pastccera con l'hobby della biologia?

    RispondiElimina
  19. sono dei veri e propri capolavori!!!Complimenti e grazie mille per le info...io ancora nonc i ho provato COME SI DEVE, ma grazie alle tue spiegazioni forse riuscirò anch'io a fare la mmf!!!

    RispondiElimina
  20. ciao!da bambina (avendo origini sarde) ricordo dei dolcetti lavorati tempestati di quelle palline argento di cui andavo pazza....
    questi biscotti me li hanno fatti proprio ricordare!ovviamente sono molto + belli i tuoi biscotti!! ;)
    a presto p

    RispondiElimina
  21. Alla prossima..ala prossima.....

    RispondiElimina
  22. Bellissimi i biscotti, davvero un capolavoro!!!
    E come darti torto su Donatella, una continua fonte di ispirazione, lei è un'artista!!!

    RispondiElimina
  23. Pinella, leggo solo ra il tuo post...grazie, davvero :)

    Donatella

    RispondiElimina
  24. Donatella, sei cosa stupendamente brava da rasentare la commozione. E si potrebbe anche scrivere di più.

    RispondiElimina
  25. Bellissimi!!!
    Complimenti.....li proverò sicuramente a fare...brava!

    RispondiElimina
  26. Che dire: rimasta a bocca aperta da tanta bellezza! Mi hai ricordato, i miei cari "papassini" che ricopro con la glassa, che non da molto, ho saputo chiamarsi "reale". Un caro saluto anche se non mi conosci

    RispondiElimina
  27. Bellissimi Pinella, molto sarde le decorazioni!! Un caro saluto.
    Cécile

    RispondiElimina

Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli