lunedì 7 agosto 2017

Tarte Clafoutis Vanille-Framboise


Non so come sia la temperatura dalle vostre parti ma qui ho idea che sia esagerata....
Ieri ho messo il naso fuori di casa....forza maggiore!..ma sono dovuta rientrare di corsa per scoprire che la temperatura della cucina, in confronto, era da paesi nordici.

Insomma, questa Tarte Clafoutis che guardavo e riguardavo dalle pagine del Journal du Patissier è venuta fuori in una torrida giornata con corse a perdifiato tra i fornelli e i freezer....Ma e' da quando è arrivata la copia che non vedevo l'ora di sperimentarla....

Lui, Sébastien Serveau, è veramente molto bravo. Fa una pasticceria molto bella e buona. E poi scrive le ricette in modo cosi chiaro e perfetto nella grammatura che basta aprire il libro/ giornale e rifare tutto senza cambiare nulla....

A dire il vero, stavolta, ad incuriosirmi è stata la mousse. Una semplice purea di frutta gelatinata e unita a panna montata...che conserva tutto il sapore della frutta. Diciamo che tutto è nato intorno a questa crema per scoprire che tutte le basi incluse in ricetta sono valide e utilizzabili in altre preparazioni....

 Se vi consiglio di farla? Certo che si....magari anche rifacendo la sola mousse e servendola in bicchieri a stelo...E ditemi, poi, se vi è piaciuta!

Bon travail et...Merci encore, Monsieur Sérveau!



Tarte Clafoutis Vanille-Framboise
( estratta da una creazione di Sébastien Serveau)







Per 2 tartes

Per la pate sucrée
( da una ricetta di Cédric Grolet)

Poiché avevo in freezer la pate sucrée di Cédric Grolet ho usato questa. 
Ma mi riprometto di sperimentare anche quella di Sébastien Serveau indicata sul Journal!

150 g di burro
95 g di zucchero al velo
30 g di farina di mandorle
58 g di uova
250 g di farina 00 debole
un pizzico di sale
1/2 bacca di vaniglia



Versare il burro morbido, lo zucchero, la farina di mandorle, il sale e la vaniglia in una ciotola da planetaria. Mescolare usando lo scudo. Aggiungere le uova leggermente sbattute e poi la farina ben setacciata. Fare un rettangolo alto 1 cm da far raffreddare in frigo. L'indomani, stendere la pate sucrée ad un'altezza di pochi mm. Far raffreddare ancora. Ritagliare i fondi degli stampi da tartes e i bordi . Ungere di burro gli stampi microforati. Stavolta, ho utilizzato due cerchi microforati da 15 cm di diametro e altezza 3.5 cm
Far aderire il bordo e poi il fondo. Ritagliare l'eccedenza con un coltellino affilato.
Congelare.
Accendere il forno a 160°C. Infornare fino a colorazione dorata. Velare con un po' di burro di cacao fuso.Far raffreddare.


Biscuit Amande-Vanille

50 g di uova intere
15 g di tuorli
50 g di farina di mandorle
5 g di fecola di patate
60 g di zucchero a velo
40 g di lamponi freschi
1/2 bacca di vaniglia

Il biscuit si lavora in un mixer con le lame. Versare tutti gli ingredienti (tranne i lamponi)e mescolare fino ad ottenere un composto liscio e cremoso. Versarne metà in ogni tarte cotta e intiepidita  e sistemare in modo regolare i lamponi. Infornare ancora circa 20 min a 150°C senza che il biscuit si gonfi. Togliere dal forno.

Clafoutis

90 g di uova intere
90 g di zucchero semolato
un pizzico di sale
1 bacca di vaniglia
30 g di farina debole
120 g di panna liquida al 35% di grassi
105 g di latte parzialmente scremato

Mescolare le uova con lo zucchero ma senza montare. Aggiungere il sale e la vaniglia. Quindi, la farina ben setacciata, la panna ed il latte. Ottenuto un composto omogeneo, versare sulla tarte ( cotta e con il biscuit Amande-Vanille) fino al bordo superiore. Rigorosamente infornare a 100 °C per circa 40 minuti in modo che la tarte non abbia gonfiarsi e le uova si coagulino. 

Confit di lamponi

150 g di purea di lamponi
150 g di lamponi freschi
40 g di zucchero semolato
4 g di pectina NH

Scaldare la purea di frutta, aggiungere i lamponi freschi e far sobbollire. Mescolare la pectina allo zucchero e versarla a pioggia nella frutta calda portando alla temperatura di 102°C ( io mi sono fermata a 99°C). Coprire con pellicola e far raffreddare

Mousse ai lamponi

260 g di purea di lamponi
25 g di zucchero
6 g di gelatina 200 Bloom + 30 g di acqua di idratazione
200 g di panna al 35% di grassi

Riscaldare 100 di purea di lamponi insieme allo zucchero. Aggiungere la gelatina reidratata e intiepidita. Quindi, unire la restante purea, mescolare e conservare in frigo per 12 ore. L'indomani, mescolare la purea con lo scudo in planetaria. Montare la panna e aggiungere la purea. Conservare in frigo fino al momento dell'uso.

Decorazione

200 g di Absolu Cristal Valrhona
60 g d'acqua
una punta di coltello di colorante rosso idrosolubile

Scaldare fino a 80°C l'Absolu con l'acqua. Colorare al punto desiderato. La glassa deve essere spruzzata calda.

Composizione

Velare tutta la superficie del Clafoutis della tarte con il confit di lamponi. Usando una sac à poche con beccuccio liscio dressare la mousse sulla tarte. Congelare per circa 30 minuti. Spruzzare sopra la tarte la gelatina calda avendo cura di proteggere il bordo della tarte con una striscia d acetato oppure di carta forno. Decorare con del cocco rapé lungo tutto il bordo. Distribuire qualche goccia di confit e pochi frammenti d'oro alimentare.

SHARE:

13 commenti

  1. L'avevo ammirata su IG ed eccola qui. Splendida e ne immagino la bontà. Quel rosso lampone è ipnotico tanto è bello. Che bello leggerti Pinella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti raccomando la Sucree: perfetta e non crolla di un mm
      E la mousse e' fantastica!

      Elimina
  2. Pinella un vero sogno questa tarte. Immagino il sapore e il gusto con i lamponi!

    RispondiElimina
  3. ciao Pinella, cosa usi per spruzzare la glassa?
    grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò...
      Mi sono di recente comprata aerografo e compressore ma per questa glassa ho usato una pistola non per alimenti
      L'ho sdoganata dopo averla vista vendere al Sigep e usare da una notissima pasticcera!
      Tuttavia devo dire che il dolce era per me! Quindi se ho rischiato l'ho fatto su di me!

      Elimina
    2. Grazie mille per la risposta! Quindi aldilà del suo utilizzo primario consigli di usare una pistola e compressore per ottenere il risultato migliore? (ti posso chiedere quale hai usato? In modo da poter fare una valutazione dei materiali usati, magari alla fine è tutto compatibile e non c'è nessun rischio, sono un chimico e visto che sei biologa, tra scienziati ci si capisce :) )

      Elimina
    3. Mi interessa molto il tuo parere
      Ho usato una Bosch
      Sono fuori e non posso dirti il modello
      Ma sono quelle verdi con il serbatoio inferiore
      La temp della gelatina era sui 70 gradi e il tempo di permanenza. Ella pistola pochi sec
      In ogni caso per lavori di fino e cioccolato mi sono comprata un aerografo e compressore a secco, apposta per cioccolato
      Se vuoi al rientro ti mando il link

      Elimina
  4. credo di aver capito qual è il modello, ad ogni modo mandami pure il link nel frattempo comincio ad informarmi!
    grazie

    RispondiElimina
  5. Ho chiesto su Amazon se qualcuno utilizzasse quella pistola in pasticceria, e mi ha risposto uno che la usa per lucidare le brioche. Quindi il suo utilizzo in pasticceria è più frequente di quello che pensassi!

    RispondiElimina
  6. Ciao Pinella, la pectina è sostituibile con quanta gelatina alimentare(colla di pesce 200bloom?) per avere la stessa consistenza che crea la pectina? grazie e complimenti davvero!

    RispondiElimina

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli