giovedì 3 ottobre 2013

Il Mediterraneo davanti a me....

Mentre cammino a passo spedito lungo la strada che costeggia il mare, penso a come la mia città si sta presentando agli occhi curiosi ed eccitati di 50 donne ....diciamo food blogger?...che dai posti più diversi il Destino ha fatto riunire qui, a Cagliari.



Cagliari come punto d'incontro per il MedDietCamp?*
Ma non capita mai che...Cagliari sarà certamente  intimorita, in ansia per l'avvenimento, non saprà che dire e che fare, come comportarsi.
Sono in pensiero. 

Ma quando poggio i gomiti sul muretto che separa il Castello dalle vie sottostanti, giù verso il mare, e miei occhi si stendono sul buio luminoso della sera e respiro l'aria tiepida profumata di sale  e di  stelle, non ho più alcun dubbio.

Lei, la città, ha lasciato svanire ogni ansia  verso il cielo e ha deciso di allungare pigramente le sue gambe limitandosi ad osservare ciò che accade intorno. Si è pettinata i capelli verso l'alto, ha messo il suo vestito migliore, si è inondata di profumi di sole e di mare e ha sorriso sempre più soavemente al passare delle ore.

Cagliari ....non ha le parole per dirlo e mi ha chiesto di farlo io per lei...

"Puoi dire alle 50 partecipanti che....."

Mi ha pregato di dirvi che le siete proprio piaciute, cosi ricche di passione e di entusiasmo. Cosi determinate e "fresche". Vitali.
"Personali". 
Giovani e con il senso di un che di Antico. 
La Dieta Mediterranea che le è cosi cara e che lei vive tutti i giorni in ogni dettaglio si posa su di voi come un vestito prezioso ed è certa che dalle vostre mani scaturiranno sempre più nuovi tesori e nuove idee. Perché di idee...Cagliari ne ha il sospetto....le sembra che voi vi nutriate.

" Non hai mai saputo fare belle foto....mi sembra sia stata per te un'occasione.."

Cagliari !-le dico-la fotografia è dura. Non è cosi facile. Alessandro Guerani ce l'ha messa tutta ma io gli ho spiegato che l'obiettivo del mio blog e' di fare buoni dolci, di spiegare buone tecniche, di far parlare il cuore....Tre cose insieme. Tre cose fondamentali insieme...sarà difficile inserirne una quarta....

" So che c'era Luigi Pomata....è un tuo amico...sii obiettiva....!"


Mia cara Cagliari, ma cosa vuoi che ti dica che già tu non sappia? Non lo sai già che ha un cuore grande come una casa? Luigi, Stefania, i ragazzi, tutti loro dal primo all'ultimo, hanno lavorato  duramente e  intensamente per la riuscita dell'evento ..ma non solo per il loro spazio...Per tutti gli altri, come fossero un solo gruppo, due sole mani, una sola testa. Lo sai, no?, che è un generoso. Che se accetta, si butta con tutta la sua figura e...Mi stavo scordando di dirti che ha preparato un piatto incredibilmente interessante....

" Fa sempre piatti interessanti, lo so...tutti legati alla nostra terra, al nostro mare...va per campagne a cercare erbe e per montagne a cercare frutti e olii e funghi e...."

Una pasta con farina di lenticchie, mia cara città. Non so mai quando ci potro' provare..io che faccio solo dolci..ma le cozze mi ha insegnato lui a cucinarle...e cosi a usare il suo "dado" , fatto di verdure e di pomodoro secco...e a non stracuocere il pesce...e ...te lo ricordi, no? quando mi ha regalato l'olio di lentischio?

"Si, si, si, me l'hai già detto....dimmi degli altri...chi c'era?"

Dai, Cagliari, te li faccio vedere....Guarda!


Eccoli! Vicino a Luigi c'è lo chef tunisino, Jaudet Turki, che è veloce come un fulmine nel tagliare le verdure....Sorprendente nell'accostare delle insalate fresche e colorate con tre diversi sistemi di cottura. Il secondo da destra, lo chef libanese, George El KiK....Cagliari ! Mai mangiato un hummus cosi buono e delle melanzane arrosto farcite di carne e salsa che se ho tempo, giuro! che questo fine settimana io ci provo a rifarle...E poi, lui, lo chef egiziano...
Moustafa El Refaey....Carissima mia città,li è successa una cosa che ...sai quando ti dico che la cucina è cuore? che è passato? che è ricordi? che è futuro? che è emozione?

" Si, mi pare di avertelo già sentito dire...che mai è successo?"

C'era la zuppa sui fornelli che borbottava. Io ero anche un po' stanca....stava venendo giù anche la sera....e la giornata non era destinata a finire tanto presto e...

" Vuoi deciderti a dirmi cos'è successo?"

E' successo che ci ha insegnato una cosa che faceva sua nonna quando univa l'olio e l'aglio alla zuppa. Ci ha detto che sollevava  il coperchio, allargava i polmoni per quanto più poteva mentre il cuore pareva bloccarsi sgomento e con un sospiro carico di aromi, profumi, aspettative, languore....ecco che l'olio finiva nella pentola. E' l'ingrediente segreto della cucina, il cuore. Se hai quello, non ti resta che mettere la pentola sul fornello e.....

" Anch'io mi sono inebriata con il MedDiet Camp. Hai idea se torneranno a trovarmi?

Credo di si. Non abbiamo appena detto che la cucina mediterranea è magia?



*Il MedDiet Camp è il primo dei cinque grandi eventi pianificati da MedDiet, progetto strategico finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013. Con un budget complessivo pari a circa 5 milioni di euro e una durata di 30 mesi, il progetto mira a promuovere e valorizzare la Dieta Mediterranea, riconosciuta Patrimonio immateriale dell’Umanità Unesco nel 2010.  Oltre all’Italia, che partecipa con Unioncamere in qualità di capofila, il Centro Servizi per le imprese della Camera di Commercio di Cagliari, il Forum delle Camere di Commercio dell’Adriatico e dello Ionio e l’Associazione nazionale Città dell’Olio quali partners, il progetto coinvolge altri 5 Paesi del Mediterraneo (Egitto, Grecia, Libano, Spagna e Tunisia).
SHARE:

17 commenti

  1. Cagliari...una vecchia dama, semplice si, ma con il naso sempre legermente incipriato e un velo di rossetto. La bellezza è bella solo quando è discreta e solo allora è al massimo dello splendore. Però, come ha detto una persona che ho conosciuto da poco: ogni occhio cerca e trova la propria veduta...

    RispondiElimina
  2. Cagliari mi è rimasta nel cuore, ma io già sapevo che sarebbe andata così , i Sardi un popolo generoso e sincero e l' ho capito subito che tu eri una Vera!!!! Certi eventi uniscono le persone e questo per me e' quello che conta di più! Buon cibo ma solo se in buona compagnia! Non sono una che parla molto e non mi piace stare al centro dell' attenzione, quello che faccio sempre però è osservare e in te ho visto solo cose buone!!!!! Piace di conoscerti!

    RispondiElimina
  3. La tua città è stata una presenza meravigliosa. La prima cosa che mi ha incantata fin dall'arrivo è stata la luce. E non ho avuto neanche il tempo di conoscerla, ma solo di innamorarmi a prima vista. Appuntamento rimandato quindi, spero a presto anche perché vorrei proprio conoscerti meglio. Fata pasticciera.
    PS - Un post adorabile....posso sentirla la voce di Cagliari!
    Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  4. Vi adoro.Tornate. Che vi si aspetta...

    RispondiElimina
  5. La Sardegna la sento vicina, quasi come lo è la mia terra. Ma la bellezza di questa terra mi ha riservato delle sorprese meravigliose: tutto pulito e ordinato e la gente aperta e cordiale. E come sempre gli stereotipi sono stati superati! :*

    RispondiElimina
  6. Impossibile non amare Cagliari, saranno stati i colori, sarà stato il sole estivo, sarà stata la compagnia, i volti della gente così accogliente, ma io mi sono innamorata della tua città e, sicuramente, tornerò a trovarla!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. A cagliari c'ero stata, una decina di anni fa. Di passaggio in attesa di prendere un traghetto, ho fatto un giro per la città. Una sensazione di dejavu, mi sembrava di essere a salerno. Mi sono sentita a casa.
    Sabato, la stessa impressione. E intorno a me, tante persone che sorridevano. Sono stata felice. Grazie per esserci stata. :)

    RispondiElimina
  8. La mia prima volta in Sardegna e con 50 foodblogger al seguito in un clima internazionale (perchè ne abbiamo bisogno di internazionalità). Grazie per l'ospitalità! :-)

    RispondiElimina
  9. Amo la Sardegna, Cagliari si è piantata nel mio cuore e non la scorderò. Poetico il dialogo tra te e la tua città, mi è piaciuto come hai trasmesso le emozioni di quei giorni. Mi ha fatto piacere stringerti e conoscerti! Un abbraccio, mony***

    RispondiElimina
  10. Ho fatto un giro veloce, velocissimo, troppo poco per conoscere una città così bella, ma più che sufficiente per innamorarmene.

    Quando sono venuta via ho esclamato: ma io qui ci vorrei vivere!!!

    Arrivederci quindi, splendida Cagliari: ti visiterò con la calma che merita la tua bellezza e intanto vorrei ringraziarti per aver dato i natali alla nostra Pinella... :-)

    RispondiElimina
  11. La tua bella città la conoscevo e sono stata felice di tornarci con voi. Salutamela se puoi e dille che il suo caldo nido ci ha regalato momenti indimenticabili, di quelli che ti restano sulle pelle per sempre.
    Grazie Pinella, felice di averti incontrata.
    Sabina

    RispondiElimina
  12. Pinella cara il weekend appena trascorso è stata un 'esperienza che difficilmente dimenticheremo e credo che questo valga per tutte noi :)
    Io poi sono una toscanaccia ma vengo in Sardegna da 30 anni(e ne ho 32!) perchè lì ci sono gli amici di famiglia (ch per noi sono la famiglia stessa..), gli affetti di sempre ed amo la tua terra sentendola come fosse mia. la amo a distanza quando sono lontana e la amo ancora di più quando scendo dal traghetto e vengo avvolta da quella luce incredibile e da quei profumi di macchia, di liquirizia, di sale e di roccia. Io non avevo dubbi che Cagliari ci avrebbe amate a sua volta, come se ci conoscessimo da sempre. Perchè voi siete così, avete il cuore grande.
    ti abbraccio e spero tanto di rivederti presto anche perchè tempo per parlare non ne abbiamo avuto e invece a me sarebbe piaciuto dirti tante cose ..
    un abbraccio
    Serena

    RispondiElimina
  13. Che bello il tuo post, Pinella.. un modo pacato ed insieme appassionato di raccontare l'evento. E, per quel poco che ti ho potuta (con enorme piacere) conoscere, ti rispecchia appieno.

    A presto!

    RispondiElimina
  14. Pinella carissima, io Cagliari non l'avevo mai vista e per quel poco che ho potuto, l'ho sentita bella, lieve ed insieme forte, una che può navigare controvento...
    Molto bello il tuo post, perché hai il dono di poter usare le parole in un luogo (questo della blogsfera di food) dove tutti quanti usiamo le immagini... ed è un dono prezioso, mi hai emozionato. Brava.
    Un abbraccio a presto!

    RispondiElimina
  15. strane alchimie accadono in un luogo piuttosto che in un altro. E penso che molto dipenda sia dalla magia del luogo stesso che dall'energia che si sprigiona all'improvviso quando 50 donne si incontrano.
    sono stata piacevolemente colpita da te e dalla tua grande professionalità.
    E ne sono felice.
    un abbraccio
    anna

    RispondiElimina
  16. io la conosco Cagliari, la conosco abbastanza e da abbastanza tempo. ci siamo fatte delle belle chiaccherate anche io e lei... eccitante e maliziosa città... come tutte le città di mare, come tutte le donne...
    è stato bellissimo conoscersi un po', potersi guardare un po' negli occhi, vedere oltre le parole scritte.
    Grazie
    Sandra

    RispondiElimina
  17. Che bel modo così particolare e personale hai avuto per descrivere questa esperienza.
    Della tua Cagliari io sono inamorata sin da quando ero ragazzina e ci andavo a trovare i miei zii e ogni volta che ci torno è una gioia. Come è successo in questa occasione. Mi spiace solo che non ci sia stata l'occasione per scambiare due parole. Magari in futuro...

    RispondiElimina

Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli