sabato 26 marzo 2016

Niente nasce per caso....


Non chiedetemi il motivo per cui io, quest'anno, abbia sentito il desiderio irresistibile di preparare una Pastiera....

Non che ci avessi pensato prima. Non mi aveva colpito nulla di particolare ...almeno che io potessi ricondurre a questa cosi chiara decisione di andare a comprare ricotta e grano e cercare arance e canditi. Di quelli buoni, intendo.

Non avevo l'aroma giusto. Ma in dispensa avevo ancora un paio di arance regalata dalla mia amica Emiliana e una confezione di  scorze  che avevo preso da Mauro Morandin sperando di usarle per il Panettone.

Quando ancora mi illudevo di riuscirci a farlo, il Panettone.

Avevo tutto pronto. E neppure una stanchezza irreale mi ha impedito ieri sera di tirar fuori la frolla dal frigo e combinarla con le creme. 
Ho fatto questa Pastiera impastando tutto il mio cuore e tutti i sentimenti dentro. Anche quelli che gocciolavano stanchi dalla testa, arrendevoli e soavi come fossero tramortiti e incapaci di opporsi al mio volere.

Non lo so il motivo. So solo che quest'anno, io ,questa Pastiera la volevo proprio fare.
 E quando il profumo ha inondato la casa, incapace di passare attraverso i muri e varcare le porte e le finestre, saturando l'ambiente e  permeando tutto intorno di dolcezza e fragranza ,ho solo sentito che nessun altro dolce poteva essere il nostro dolce di Pasqua.

E' con profonda emozione che poco fa, scorrendo il mio blog, ho visto che la stessa Pastiera l'avevo fatta il 22 marzo del 2008. 
Era un sabato.....e da lì a pochi giorni io non sarei più stata la stessa.

Nulla nasce veramente per caso....




Pastiera( da una ricetta di Elisabetta Cuomo)






Per la pasta frolla

400 g di farina 00
200 g di burro (o strutto)
130 g di zucchero Zefiro
3 tuorli 
30 g di latte
scorza d'arancia grattugiata
1 pizzico di sale


Montare il burro e lo zucchero con gli aromi e il sale. Aggiungere i tuorli e il latte,amalgamare e incorporare velocemente la farina ben setacciata. Raccogliere l'impasto e formare un panetto piatto cha andrà avvolto in carta forno e conservato in frigo fino al giorno dopo.



Crema di ricotta

500 g di ricotta asciutta ( metà di mucca e metà di pecora)
300g di zucchero semolato
3 uova da 70 gr  + 1 tuorlo

Mescolare bene la ricotta e zucchero. Tenere in frigo per 2 ore quindi passarla bene al setaccio. Unire, quindi, le uova e il tuorlo mescolati brevemente. 



Crema di grano

un barattolo di grano cotto da 560 g
150 g di latte
30 g di burro
scorza di 1 limone


Cuocere il grano con il latte, il burro e la scorza del limone mescolando spesso con un cucchiaio di legno perché' tende ad attaccare sul fondo. Far raffreddare prima di mescolarlo agli altri ingredienti. 



Crema pasticciera

300 g di latte
2 tuorli grossi
80 g di zucchero
35 g di farina
1/2 arancia
3 cucchiai di Cointreau

Preparare la crema pasticcera e farla raffreddare subito dopo la cottura.
Frullarla con il succo di mezza arancia e il liquore, fino a renderla fluida e senza grumi.



Preparazione


Mescolare tutte le creme, il grano e gli aromi, senza frullarli. Unire anche della scorza di arancia grattugiata, 1/2 cucchiaino di cannella. Aggiungere una grossa manciata di ottimi canditi d'arancia ( io ho usato dei canditi di Mauro Morandin) e un cucchiaio di confit d'orange di Philippe Conticini. Far raffreddare e riposare per circa 2 ore per evitare che la pastiera si gonfi in cottura  Stendere la frolla sottile (4 mm) e foderare una teglia di 28/30 cm in alluminio alta 4/5 cm con bordi svasati,imburrata,versarvi il ripieno e decorare con strisce di pasta frolla incrociate. Cuocere a metà altezza a 160° per 1 ora e 40 circa.
La pastiera è cotta quando diventa color caramello.


Stampa la ricetta
SHARE:

7 commenti

  1. Davanti a tanta perfezione, si nota una piccola svista:manca lo zucchero alla crema di ricotta, c'è solo la grammatura.

    RispondiElimina
  2. Perché in questa frolla, a differenza delle altre, bisogna montare il burro con lo zucchero e gli aromi?
    Grazie e buona Pasqua...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per correttezza, ho riportato integralmente la ricetta di Elisabetta Cuomo cosi come da lei pubblicata. Io mi sono limitata ad eseguire una lavorazione classica burro+ zucchero e poi ho proseguito normalmente

      Elimina
  3. Ma dov'è l'aroma di millefiori? A Napoli la pastiera è sacra e senza il profumo di arancia e millefiori non è pastiera, se davvero hai fatta la frolla anche con il latte la farina non ti è bastata. Anche lo zucchero nella ricotta è poco, lo zucchero deve esere di pari peso della ricotta e di uova ce ne vogliono, per mezzo chilo di grano, almeno 8;con questa dose la pastiera ne viene una molto grande oppure due con le teglie di 22/23cm. Ha dimenticavo anche un'ombra di cannella va nell'impasto, proprio un pizzichino. E' da anni che le faccio in tutti i mesi dell'anno e (non so se per cortesia) tutti mi dicono che sono buonissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che dirti?
      Non mi conosci bene, vero?
      Questa è' la pastiera di Elisabetta Cuomo
      Una straordinaria e inimitabile amica pasticcera

      Elimina
  4. Ciao,Pinella se volessi omettere la crema pasticcera, il ripieno risulterebbe sbilanciato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe un'altra pastiera. Ti consiglio di usare una preparazione che non la prefeda. Salutoni

      Elimina

Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli