sabato 8 novembre 2008

Qualcosa di semplice, qualcosa di buono


E' inevitabile, forse, che sia al cioccolato. Un dolcino facile da preparare al volo prima di pranzo. Prima di allungarsi per un riposino e scaldarsi con i raggi che filtrano dalle finestre, come i gatti. Ah! che bello l'autunno e dire che non mi è mai piaciuto. Sorbole! Deve essere un segno dell'invecchiamento.


Mi ricordo mamma che esponeva il viso bianco al sole tiepido e con la mano si spalmava su tutta la faccia il calore prodotto, come fosse una crema. Poi, la metteva sul mio viso e sorrideva come fossimo due bimbe. Io facevo come da piccola. Affondavo la testa nel suo grembo e lei passava e ripassava la sua mano sulla mia testa, ogni volta esponendola prima al sole come fosse un braciere acceso.Tutti gli affanni sparivano. Tutte le ansie andavano a nascondersi.Tutti i dolori si spegnevano piano, come piccoli fiammiferi.


Si, certo, parlavo del riposino.
Parlavo del risveglio e di accendere il forno, introdurre le piccole delizie e mettere sul fuoco il bricco del caffé oppure del the. Ci vogliono 10 minuti. Magari 20 se a farlo, il the, spetta a me.Ma poi, ci si puo' sedere serenamente e assaggiare un morbido al cioccolato, bello tiepido, caldo, un sorso di the al bergamotto.


Magari, viene pure la voglia di uscire, finalmente, per andarsi a comprare un paio di stivaletti che non c'e' nulla come un paio di scarpe nuove per tirare su l'umore.


Non è vero?


Morbidi al cioccolato
(di M.Santin)


300 g di zucchero
100 g di cioccolato al 55%
180 g di burro
6 uova
90 g di farina 00

Sciogliere il burro ed il cioccolato in due ciotole separate. Unire e mescolare bene i due ingredienti. Battere le uova fino ad avere una montata soffice e chiara.Unire la farina mescolata con lo zucchero e continuare a battere finche’ il composto è diventato molto gonfio. Aggiungere, sempre mescolando, il miscuglio di burro e cioccolato versandolo a filo. Tenere il composto in frigo per almeno 3 ore. Distribuire il composto in stampini moporzione e infornare a 150°C per 10 minuti.
Si formerà sulla superficie una crosticina chiara. Io ho estratto i dolcini dagli stampini di carta e li ho capovolti.Quindi, spolverizzati con zucchero al velo .
SHARE:

15 commenti

  1. Qualcosa di semplice, qualcosa di buono ma come sempre fantastico, come solo tu sai fare.... brava per l'ennesima volta!!! Non mi stancherò mai di scrivertelo Ciao Elisa80

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Pinella! Questa ricetta è davvero favolosa e la voglio provare al più presto!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Che bello l'autunno ???!!!
    Questo è un chiaro sintomo del fatto che hai avuto una settimana pesante cocca.....non è da te dire che bello l'autunno !!!
    Sorbole poi, mi pare un imprecazione tipica delle mie parti, quando vogliamo essere fini e non dire l'altra imprecazione più volgare !!!!
    Hai decisamente lavorato troppo, ma non sono preoccupata, solo per il fatto che hai deciso di andare a comperare un paio di stivaletti!!! Ecco adesso ti riconosco, ecco adesso sei tornata in te !!
    Sarà sicuramente merito del morbido al cioccolato, che ti ha fatto scaricare tutte le tensioni.

    Baby, attenta a queste faticate.

    RispondiElimina
  4. Certe volte, Rossina, è della serie" non possodiredino".Proprio non posso.Direi" Sono molto stanchissimissima" si potesse. E purtroppo andrà avanti ancora per un bel po'.Poi ci sono news all'orizzonte....insomma, stasera stacco e vado a spendere dei soldini.Ci entra pure un regalo di Raf...E se ti dicessi che sarà una borsa?!?

    Sorbole, rossa, mica si sta qui a pettinare le bambole, ohi!?!

    RispondiElimina
  5. Meravigliosi questi morbidi, fatti apposta per il teuccio!!
    Colgo l'occasione per chiederti una cosa: che burro usi? Ho scoperto solo ora che la maggior parte dei burri venduti al supermercato è una veraq schifezza (sottoprodotti della lavorazione dei formaggi), e capisco finalmente il gusto "diverso" della pasticceria francese..grazie!!

    RispondiElimina
  6. In genere il burro lo compro alla Metro. Uso quelle che viene dal Trentino. Mi piace in modo particolare il burro Ocelli, quello con la mucca stampigliata. Ma se proprio non posso andarci, faccio un salto qui vicino e compro il Granarolo.
    qui non è che posso proprio variare molto. Se penso al burro delle mie amiche che stanno in Trentino....

    RispondiElimina
  7. Stampini monoporzione? Mi mancano...la cottura sarebbe poi così diversa se li mettessi in pirottini di carta "dimensione bocconcino"?
    Grazie!

    p.s. bisognerà avere pazienza per il pan'e sapa, ho già fatto fuori un lievito madre, quest'altro sembrerebbe venire su bene, spero solo che non sia stato inoculato dalle spore di muffa bianca che si è formata in alto sul bordino... :-( La pasticcera di solito non ama i lievitati, ma la biologa che dice? :-) Il mio lievito madre sopravviverà ad un po' di muffa?

    RispondiElimina
  8. Per i prottini va piu' che bene...li cuoci , li fai raffreddare e poi li stacchi capovolgendoli.Cosi la crosticina sta sotto.

    Lievito madre? E' il terzo che si suicida dopo essere stato nel mio frigo.....

    RispondiElimina
  9. Anche il mio si era suicidato dopo essere stato in frigo... :-( Che poi, più che morto sembrava in coma: non cresceva, ma non prendeva neanche odori acidi, era come se l'avessero immortalato al fotofinish. Mah!
    Grazie per la ricetta, pirottini ne ho anche in casa. :-)

    RispondiElimina
  10. formidabile come sempre...complimenti...

    RispondiElimina
  11. effettivamente qualcosa di buono, qualcosa di semplice

    RispondiElimina
  12. Ciao dolce Pinella, passare da te
    è come aprirsi l'anima,oggi poi qui nella campagna parmense c'è uno
    splendido sole che ravviva i colori
    che l'autunno ci regala,e allora che fare?mollo l'assa da stiro ed esco, mi vado a comperare un paio di scarpe.un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Pinella sei fantastica, non sò come ci riesci ma i tuoi dolci sono per me una vera "libidine".
    Sei una continua fonte di idee e di tentazioni .....
    Ma come faccio con la dieta?!?!?
    Brava, come sempre, BRAVA

    RispondiElimina
  14. Ciao Pinella, brava come sempre per tutto, volevo dirti che ho provato a fare questi dolcetti al cioccolato...avrò sbagliato qualcosa? Il preocedimento e gli ingredienti, tutto uguale, non avevo dei monoporzione particolari, solo pirottini, ho usato questi, in forno a 150° x 10 minuti, ne ho tolto 1 per vedere ma era tutto liquido, così li ho rimessi per altri 20 minuti. Si sono solidificati ma...non mi sono sembrati come quelli postati da te in foto. Ho sbagliato qualcosa? Possibile in forno solo x 10 minuti a 150°? Forse le tue formine sono molto piccole? Se puoi, dimmi cosa ho potuto sbagliare1 Ti ringrazio, Paola
    P.S. Mio figlio, buoni o non buoni, se li è divorati...

    RispondiElimina
  15. Carissima, io ho usato dei pirottini di circa 4 cm. Tieni presente che la temperatura del forno varia da un forno all'altro. In questo caso, ci vuole una temperatura bassa ed il tempo lo vedi tu. Pero', questi dolcetti non devono cuocere a lungo. Sembrano poco cotti ma come tutti i dolci al cioccolato si induriscono da freddi.

    RispondiElimina

Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli