sabato 9 febbraio 2008

Pabassinas di Muravera


Questi biscotti, questi dolcetti, a mio parere, è difficilissimo non facciano evocare immediatamente la Sardegna. Si chiamano cosi perchè nell'impasto è presente in gran quantità "sa pabassa", cioè l'uvetta. Sposata a noci, mandorle, sapa, e una gran quantità di ingredienti genuini e saporiti.

Di modi per farli ne esistono tanti. E differenti a seconda delle zone, dei paesi.
Io faccio spesso questa ricetta, dono di un'amica di Muravera. E cosi le ho chiamate. Poi, vallo a vedere veramente se solo a Muravera le fanno cosi, le pabassine.
Pabassinas di Muravera

350 g di farina
130 g di uvetta rinvenuta e asciugata
100 g di zucchero
50 g di strutto sciolto
1/3 di bicchiere di sapa
1/3 di bicchierino di anice
15 g di semi d'anice
1/2 bustina di lievito
1/3 di bustina di saporita( cannella, chiodi di garofano, anice stellato)
1 uovo
80 g di mandolce e noci frantumate
scorza grattugiata di un'arancia

Lavorate prima l'uovo con lo zucchero, aggiungete lo strutto e tutti gli alimenti liquidi. Quindi impastate con la farina setacciata con il lievito e tutti gli aromi. Per ultimo mettete le mandorle, le noci e l'uvetta intera. Stendete la pasta ad un'altezza di 1/2 cm, ritagliate i dolcetti a forma di rombo e infornate per circa 10-15 minuti a 180°C. Fate un po' raffreddare.
Preparate la glassa.
Un modo semplice è di lavorare lo zucchero al velo ben setacciato con dell'albume fino ad ottenere una massa densa e colante da far aderire come un velo sul dolcetto. Quando inizia a raffreddarsi, decorare con i diavolini colorati, "sa traggera" come si dice in sardo. La vera glassa da usare è quella fatta preparando uno sciroppo di zucchero e acqua e facendolo cuocere "a puntu", cioè fino a 117-118°C di temperatura. Quindi, con un pennello, passare e ripassare lo sciroppo sul biscotto finchè raffreddandosi non conferisce alla pabassina un caratteristico colore bianco panna.
SHARE:

1 commento

  1. Sono i miei preferiti!!!
    ma la sapa non la trovo qui a Roma...se ne avessi li farei almeno una volta a settimana!!!!

    RispondiElimina

Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

Printfriendly

Template by pipdig | Customized by Sara Bardelli